Cosa mangio per merenda?

Merenda e Spuntino: 
Se tra i pasti abbiamo un languorino possiamo cogliere l’occasione per introdurre cibi buoni per la nostra salute. Può essere anche una buona soluzione per non arrivare affamati al pasto successivo. Tuttavia se i pasti principali sono ben assemblati è possibile non sentirne la necessità. In base ai fabbisogni del singolo e ad eventuali altre condizioni di salute, il professionista della nutrizione saprà valutare la necessità di inserire questi pasti secondari e la loro composizione. 
Una buona soluzione è senz’altro l’accoppiata vincente frutta fresca + frutta secca a guscio. Con la frutta fresca introduciamo vitamine, minerali, fibre e polifenoli. Queste sostanze ci permettono di combattere l’infiammazione che accomuna tutte le patologie cronico-degenerative e che contribuisce alla neuroinfiammazione alla base del declino cognitivo. Scegliere prodotti di stagione, biologici e magari a filiera corta e assumerli quando possibile con la buccia. Visto il contenuto in zuccheri semplici bisogna fare attenzione a non esagerare con le porzioni: 1 frutto medio è sufficiente. Con la frutta secca introduciamo anche proteine, grassi buoni e vitamine liposolubili come la vitamina E. Cosa vogliamo di più!
 Un’alternativa “spezzafame” può essere un vasetto di yogurt bianco/greco con dei semi oleosioppure con dei fiocchi d’avena per soddisfare la voglia di qualcosa di cremoso e fresco, soprattutto con l’arrivo del caldo.
 L’alternativa salata può essere una fetta di pane integrale o di segale con olio extravergine d’oliva e pomodori, molto più gratificante del pacchetto di crackers salati di farina bianca!
 Se siamo per strada può risultare più complicato seguire queste indicazioni (anche se un sacchetto di frutta secca si conserva benissimo anche in macchina…). In questo caso impariamo a scegliere i prodotti confezionati leggendo attentamente le etichette e confrontando i prodotti. Sono da preferire: 1) liste ingredienti brevi (meno ingredienti significa spesso prodotto più sano e meno conservanti); 2) alti contenuti di proteine e fibre; 2) bassi contenuti di zuccheri semplici (subito sotto alla dicitura “Carboidrati totali” troverete “di cui zuccheri”) e bassi contenuti di grassi saturi(subito sotto alla dicitura “Grassi totali” troverete “di cui saturi”). Non ci fidiamo della semplice dicitura “light” o del confezionamento che suggerisce che il prodotto è salutistico, spesso si tratta di inganni per attirarci all’acquisto!